Lily_elsie_12

La star del make-up di oggi è Lily Elsie, nota star dell’ operetta nei primi anni del ‘900. Pero prima vi racconto qualche curiosità sulla nascita della cosmetica negli anni della Rivoluzione Industriale.

I primi rimedi di bellezza nascono dai farmacisti, molte le aristocratiche che elargiscono consigli su cataplasmi, bendaggi e belletti. Ma il primo manuale di bellezza viene scritto dalla famosa contessa di Tramar con il suo ” Brèviere de la femme “, in cui si dispensano consigli e rimedi  casalinghi per conquistare un uomo e mantenere la propria pelle giovane. In particolare uno di questi, alquanto disgustoso è la maschera di vitello da mettere sul viso per tutta la notte.

Il primo a creare prodotti formulati su metodo scientifico con materie prime è il farmacista Fukuara, fondatore del marchio Shiseido, con la sua crema energizzante e lenitiva dal nome Eudermina.

I canoni di bellezza dell’ epoca, richiamano ad una donna dalla pelle chiara quasi trasparente con occhi grandi e i capelli morbidamente raccolti. Diverso era per le attrici del teatro o dell’ opera.

Lily Elsie era una nota star dell’ operetta e il suo trucco era ben distinto dalle donne operarie e comuni del periodo. Il focus del suo trucco era:

  1. Viso pallido con guance tinteggiate di varie tonalità di blush.
  2. Occhi ombreggiati di viola e grigio.
  3. Sopracciglia marcate e inspessite.
  4. Ciglia tagliate per far in modo che ricrescano più lunghe.
  5. Labbra al naturale.

Il look era poi contornato da capelli raccolti a modalità chignon e decorati con spille e forcine. Il cappello diviene un must.

Infine in  quegli anni  nascono in America le prime boutique dedicate alla bellezza a 360°, in cui le donne oltre al trattamento viso e capello ricevono anche quello del make-up.

Grazie per la lettura.

Salvo Lopez

256